Lover, l’amore come droga

Nella prima puntata di questa nuova serie danese (8 episodi di 20 minuti ciascuno), vediamo Mikka, 23 anni, ricoverata d’urgenza per un’overdose. Poi passiamo a Noah, 24 anni, talmente fatto da soffrire di amnesia. Mikka lavora come supplente insegnante, mentre cerca di laurearsi in psicologia. Da quando la madre è morta, e da quando il padre si è riaccompagnato, fa uso smodato di sostanze. Di Noah sappiamo solo che ha una fidanzata estrosa e ricca che non vede l’ora di sposarsi e che è nato già in overdose.

Per Mikka le droghe sono essenziali per affrontare lavoro e studio, oltre che per alleggerire il cervello. Per Noah la droga è un lusso. Si ritrovano insieme in una struttura di riabilitazione. Da lì si scatena la passione. Dopo tanti anni passati dietro lo schermo della tossicodipendenza, ora le due anime cercano rifugio uno nell’altra, sfidando le regole del posto che vietano ogni relazione tra gli ospiti.

Lover è scritto da Adam August, autore di Bedrag e della recente Ulven Kommer. Nel cast troviamo Clara Dessau, sua sorella, nei panni di Mikka, (scelta consigliata a causa del coronavirus) e il fidanzato di lei, Simon Bennebjerg, nei panni di Noah. Vero è che Clara ha poche esperienze come attrice, ma per essere alle prime armi se l’è cavata benissimo, con lo stupore del cast. Simon interpreta Noah, ragazzo viziato oscillante tra forza e vulnerabilità. Adam, scrivendo la serie, racconta la sua personale esperienza con le droghe, mostrando quanto sia facile arrivare a toccare il fondo senza speranze di poter riemergere se nessuno intorno ti aiuta. E questo vale anche per le persone agiate.

Adam racconta che è stato in riabilitazione e lì ha conosciuto una ragazza di cui si è innamorato. Si trattava di una stripper canadese e Adam credeva fosse davvero il suo grande amore, ma il meccanismo che si instaura in una coppia di tossicodipendenti è ben diverso. Il richiamo ad un’alternativa alla droga è evidente.

Tuttavia la storia che vediamo è una storia d’amore, non più di droga. Molte cose accadranno, e molte cose cambieranno. E’ una storia sulla gente che vuole essere perfetta ma che usa la droga per illudersi in uno stile di vita che pretende tu sia perfetto. E tuttavia una volta raggiunto l’obiettivo, non ti senti felice.

In rete Lover si trova su DR/DK ed è visibile dall’estero, ma senza sottotitoli. In rete si trovano quelli spagnoli, per ora. Il gruppo When Saints Go Machine ha collaborato per la colonna sonora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...