Il rientro a scuola con Rita

Tra qualche giorno Netflix rilascerà la quinta attesissima stagione di Rita, in anticipo rispetto alle notizie in rete di qualche mese fa. Ma vediamo cosa ci riserva questa ultima stagione (eh, sì, purtroppo Rita ci lascia).

Mille Dinesen

Partiamo da una bella villa circondata dal verde. Rita (Mille Dinesen) esce e… suona la campanella. Insieme alla sua migliore amica Hjordis (Lise Baastrup) hanno infatti aperto una scuola privata, “La Nostra Scuola”, organizzandola come hanno sempre sognato. Non mancano tuttavia momenti di tensione tra le due: Hjordis è più propensa al cooperative learning e al rispetto delle regole sociali, Rita sembra più accomodante e disinteressata agli incontri con i genitori fortemente voluti dall’amica.

Lise Baastrup e Mille Dinesen

I figli sono cresciuti, hanno abbandonato il nido, e in questa stagione vedremo solo Jeppe (Nikolaj Groth), mollato in vacanza dal compagno e in cerca di conforto da un padre che non riesce a lasciarsi andare affettivamente con lui. Tornano anche Rasmus (Carsten Bjørnlund, il mio attore danese preferito, ma forse dopo Lars Mikkelsen), e la compagna ed ex-capa di Rita Helle (Ellen Hillingsø): i due sono attualmente in via di separazione, sebbene lei sia incinta.

Carsten Bjørnlund

Mentre Rita e Hjordis devono capire quale strategia utilizzare con un alunno che si fa convincere dalle fake news trovate sui social secondo le quali l’Olocausto non è mai esistito, giunge Helle per chiedere aiuto a Rita: Rasmus, da quando lei ha deciso di lasciarlo, si è rintanato nel sotterraneo e non esce più di lì. Chi meglio di Rita potrà convincerlo ad uscire e a reagire all’ennesima delusione? Questo intervento non sarà privo di conseguenze. Anche Hjordis sta vivendo un momento particolare col suo compagno Uffe (Kristoffer Fabricius), il quale prima sogna di lavorare come guardia forestale, poi pensa di togliere tempo alla famiglia e si vuole licenziare, poi cambia di nuovo idea appena incontra…

La scuola di Rita è un sogno che si avvera, ma non è tutto oro quel che luccica. Rita ha ancora tanto caos interno da risolvere. L’amicizia con Gerd, una donna in cerca di un corso di inglese per potersi procurare un sussidio statale, sarà la goccia che farà traboccare il vaso: Rita entrerà in una profonda crisi da cui sarà difficile uscirne fuori. Anche Hjordis vivrà momenti difficili, con la scuola sulle sue spalle e una relazione in bilico. Jeppe, dal canto suo, scoprirà un amore sincero e l’evolversi della storia è commovente.

Anche gli alunni avranno voce in capitolo su diverse situazioni, ultima tra tutte “lo sciopero del clima”, e nella reazione di Rita e Hjordis ho intuito una vena polemica indirizzata a Greta Thunberg, ma magari mi sbaglio. La conclusione di questa storia mi è sembrata perfetta, ogni personaggio ritrova la sua casa, i suoi affetti, il suo destino. Sarà un peccato non rivederla, ma Rita è perfetta così com’è. Appuntamento a Ferragosto su Netflix!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...